QUANDO SI DICE “METTERCI LA FACCIA”

Qualche anno fa ho aperto un blog e non ho voluto mettere nessuna fotografia mia e nemmeno il mio nome. Riservatezza? Timidezza? Insicurezza?

Ora non solo metto il nome e la faccia, ma scrivo anche a caratteri cubitali quello che credo, penso e desidero. E non sono slogan messi lì, sono proprio le mie motivazioni più profonde, quello che mi guida e mi porta a fare quello che faccio, nel lavoro come nella vita.

Perché lo faccio?

Perché credo sia fondamentale condividere prima di tutti i nostri valori, quello in cui crediamo e che ci fa essere come siamo. Credo sia importante che le persone che leggono i miei articoli o vogliono lavorare con me sappiano che faccia ho, chi sono, cosa penso, in cosa credo.

Uscire allo scoperto e farsi vedere per quello che siamo, autenticamente. Questo è l’unico modo che conosco per portare nel mondo il nostro messaggio, per dare il nostro contributo e fare la differenza, fosse anche nella vita di una singola persona.

E questo diventa più importante della timidezza e della riservatezza e di tutti quegli ostacoli piccoli e grandi che ci fanno “giocare in piccolo”. possiamo imparare a prenderci un po’ meno sul serio, ridere di noi, della faccia brutta che è rimasta in una foto o in un video, di quando ci siamo impappinate in un discorso o abbiamo commesso un errore.

Credo che sia importantissimo ricercare un senso di leggerezza e divertimento in quello che facciamo, viverlo con entusiasmo e gioia, sapendo che stiamo lavorando con i nostri sogni e creando la vita che vogliamo.

Per questo motivo il mio sito è così colorato, con la mia facciona sorridente che sbuca fuori, per questo uso le parole “un business di cui essere PAZZE!”. Perchè è così che sono io, allegra, colorata e… un po’ pazza 🙂 e in parte mi sono scoperta e sono diventata più me stessa proprio grazie a questo lavoro.

Ecco perché dico sempre che creare l’attività dei nostri sogni è un cammino straordinario di crescita che ci costringe a uscire dalla nostra zona di comfort e ad affrontare e superare i nostri piccoli grandi limiti!

3 commenti
  1. Marta
    Marta dice:

    Ciao Lara, la tua è una bellissima riflessione che condivido in toto. Anche io talvolta ho riflettuto sull’eventualità di utilizzare pseudonimi o nascondere la mia identità, ma dare un nome e un volto reali al “brand” che si vuole proporre è un obiettivo imprescindibile per chi vuole iniziare una propria attività.
    Ti seguirò con piacere, con il tuo nome e faccia 🙂
    Buon lavoro!
    Marta

    Rispondi
  2. Lara
    Lara dice:

    Ciao Marta, grazie per il tuo commento. Sono d’accordo con te e credo che venga a molte l’istinto di nascondersi dietro un messaggio che si reputa in qualche modo più importante della persona. Ma il messaggio senza nessuno che lo porta a mio avviso perde di incisività e rimane sempre un po’ vago, in fondo non sarebbe esistito senza quella specifica persona, con le sue esperienze, la sua unicità e… la sua faccia 🙂

    Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Il blog, come in generale la comunicazione online, funziona meglio se non la fai in modo timido, se ti fai vedere in faccia, se, oltre a spiegare bene quello che fai, racconti la tua storia. Gli esseri umani amano più le […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *