METODO SEMPLICISSIMO PER NON FARSI SCORAGGIARE DAGLI ERRORI

Sei mai stata bloccata dalla paura di sbagliare o scoraggiata dopo aver commesso un errore? Se si, leggi fino in fondo, questo semplicissimo medoto potrebbe fare al caso tuo!

Senza dubbio se vogliamo avere successo nella nostra attività dobbiamo perseguire con costanza i nostri obiettivi (ho già citato la peristenza come unico vero “segreto” del successo), dobbiamo trovare nuove strategie quando quelle che utilizziamo non funzionano, nuove soluzioni e imparare dagli errori che è assolutamente naturale commettere.

Ma diciamo la verità, quando qualcosa non va come avremmo voluto o quando commettiamo un errore, la nostra energia e il nostro entusiasmo ne risentono. Soprattutto quando questo capita più volte. È vero che dovremmo ripartire con ancora più forza e lucidità, ma nella realtà quello che succede è che ci viene una gran voglia di mollare.

Ti è mai capitato di pensare, a livello più o meno consapevole, dopo un momento di difficoltà, cose del tipo “Se questa volta è andata così la prossima non potrà andare diversamente”?

Una cosa che capita altrettanto frequentemente è che il timore di sbagliare ci blocca e ci fa rimandare l’azione che percepiamo rischiosa, come chiamare quel cliente difficile o fare quell’offerta che temiamo venga rifiutata.

Ma è anche evidente che, se non agiamo, non otteniamo nessun risultato, se non impariamo dai nostri errori non miglioriamo.

Quindi, come fare?

Sicuramente più il nostro obiettivo è importante per noi, più è in linea con il nostro senso di scopo nella vita più sarà naturale perseverare.

Ma oggi volevo darti un semplice metodo concreto per gestire la paura del fallimento o la perdita di entusiasmo che consegue ad un errore.

Ho “inventato” questo semplicissimo metodo per me stessa in un momento in cui mi sentivo bloccata e devo dire che ha funzionato così bene che continuo ad utilizzarlo e a condividerlo con persone che si trovano altrettanto bene.

ECCO COME FUNZIONA

Supponiamo che ti occupi di benessere e l’azione in questione riguardi delle presentazione del tuo lavoro.

Hai deciso che per il tuo business è strategicamente importante tenere delle presentazioni su un certo argomento e stai cercando centri yoga, palestre, centro olistici, centri benessere ecc. per proporre una tua presentazione.

Ma i primi centri che hai contattato non si sono dimostrati disponibili e rimandi giorno dopo giorno le telefonate ad altri centri per paura di ricevere altri rifiuti.

Ecco quello che devi fare: pensa che la strada per arrivare al successo (cioè organizzare una presentazione) passa prima, obbligatoriamente, per 10 insuccessi (cioè ottenere 10 rifiuti). 10? Si proprio 10, convnciti che non c’è un’altra via per raggiungere l’obiettivo che ti sei proposta.

Il primo rifiuto non sarà più quindi un rifiuto e basta, ma diventerà “un rifiuto in meno” che ti aspetta in futuro prima del successo.

Certo ricevere rifiuti non sarà comunque piacevole, ma in questo modo diventa come un “prezzo da pagare” per ottenere il risultato desiderato. E se il risultato è qualcosa a cui teniamo molto, non sarà quel piccolo prezzo a fermarci!

Ragionando in questo modo potresti anche agire in modo strategico: farti una lista di tutti i centri che vuoi contattare e iniziare le tue telefonate dai centri più scomodi, lontani o per te meno importanti, invece che partire dai migliori, che chiamerai quando sarai già “allenata” a quel tipo di conversazione.

Agendo in questo modo vedi cosa è successo? Hai definito un piano e lo hai seguito con grande perseveranza senza farti scoraggiare dagli insuccessi, ma imparando da essi! E anche se questo è un esercizio in qualche modo mentale, una finzione, nella realtà le cose non vanno in modo poi così diverso…

LA STRADA PER L’INFERNO È COSTELLATA DI BUONE INTENZIONI. LA STRADA DEL SUCCESSO INVECE È COSTELLATA DI TANTI ERRORI.

Morale?

Prima li commetti prima arrivi al tuo obiettivo!

Ti è piaciuto questo articolo? Entra anche tu a far parte della Comunità del Business del Cuore:

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *