Come definire il giusto prezzo

giusto_prezzo_lara_ghiotto

Da qualche tempo sono online i nuovi percorsi per lavorare insieme. Tra questi, “Lanciati” è il percorso di Personal branding e di lancio online della propria attività: un percorso “intenso” e ricco di strumenti continuamente aggiornati ed espansi. Tra questi strumenti, c’è il modulo dedicato a come definire il prezzo dei propri prodotti e servizi, una domanda che tante mi pongono.

Percorso_lanciati_low

In questo articolo, voglio proporti un piccolo estratto di questo modulo per permetterti di iniziare a riflettere sulla questione e magari dipanare gli inevitabili dubbi che sorgono quando è il momento di dare un valore concreto a ciò che offri. Buona lettura!

Come trovare i prezzi giusti per i tuoi prodotti e servizi

Prima di tutto voglio dirti che se hai sempre dubbi sui tuoi prezzi, sei imbarazzata a parlarne o non sai da che parte iniziare, devi sapere che sul tema “definizione dei prezzi”:

  • praticamente tutti hanno difficoltà,
  • non esistono leggi matematiche o universali in materia,
  • la tua sensibilità nel capire quello che va bene e quello che non va bene aumenterà con il tempo.

Detto questo, vediamo cosa puoi fare subito per definire i tuoi prezzi in modo sensato e strategico.

Da cosa dipende il prezzo?

Dal tipo di servizio o prodotto che offri. Giusto? Si per l’ordine di grandezza. E poi più nel dettaglio? Dal valore del prodotto o servizio che offri. Giusto? Ni. Questo è solo uno dei fattori che determinano il prezzo, il fattore più ovvio, ma ce ne sono altri che lo influenzano ancora di più.

Ecco gli altri fattori che determinano il prezzo:

1) La sicurezza in te stessa e nel tuo lavoro

Più sai di essere (e sei) brava, più i tuoi prezzi possono essere alti.

2) Riprove sociali

Più hai prove del valore di quello che offri, più persone parlano (bene) di te e del tuo lavoro (come ad esempio delle testimonianze sul tuo sito, sui social ecc.), più sei in contatto con i leader del tuo settore (endorsement), più le persone saranno disposte a pagare un prezzo alto.

3) La capacità di correre il rischio

Alzare il prezzo significa rischiare di perdere un cliente, abbassarlo aumentare le possibilità di vendere il proprio prodotto o servizio. Sei disposta a rischiare? Fino a che punto? Oppure preferisci guadagnare poco ma fare il lavoro? Quanto è questo “poco”?

4) I tuoi obiettivi

Perché vuoi fare quel lavoro? Per guadagnare, certo. Ma, soprattutto se sei all’inizio (ma in certe circostanze anche se non sei tanto all’inizio), possono esserci altre ragioni: per fare esperienza, per allacciare contatti e rapporti, per avere visibilità, per inserirti in un nuovo settore, ecc.

5) Il tuo brand

Più sei nota, conosciuta, più il tuo brand è “famoso” più puoi permetterti prezzi alti.

Inoltre conta anche la qualità del tuo brand: se hai un sito amatoriale, una presenza online incoerente, oppure ti presenti in modo poco professionale, è naturale che i tuoi potenziali clienti saranno meno disposti a spendere un prezzo “alto” per un servizio (presentato come se fosse) di “basso” valore.

Spesso, tuttavia, è vero anche il contrario: un prezzo basso può farti apparire meno brava di quello che sei e altrettanto spesso, infatti, ho sentito consigliare di mantenere un livello di prezzi alto per dimostrare che il livello del proprio prodotto o servizio è alto. ATTENZIONE però: se sei poco nota o non hai un brand di alto livello, non basta alzare i prezzi per innalzare anche il livello percepito del tuo brand (e quindi diventare più nota, ricercata o conosciuta o ovviamente migliorare il tuo sito o la tua presenza online).

Spero che questo estratto ti sia stato utile e abbia fornito spunti per rispondere alla fatidica domanda “Come faccio  a stabilire i miei prezzi?”. Se sì, fammi sapere le tue riflessioni nei commenti e, se hai domande, non esitare a contattarmi attraverso il modulo di contatto!

Ti è piaciuto questo articolo? Entra anche tu a far parte della Comunità del Business del Cuore:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *