L’importanza di essere offline

Passare del tempo offline, cioè non connessa alla rete con smartphone, computer o altri dispositivi, è uno dei più bei regali che puoi farti. Il tempo offline ti permette di fare di più e di fare meglio perché è un tempo di qualità, un tempo consapevole che puoi dedicare strategicamente alla tua attività e alla tua vita.

Internet, gli smartphone, i computer portatili, i tablet, sono strumenti potentissimi che possono cambiarci la vita e che, in realtà, ce l’hanno già cambiata. La mia, sicuramente, l’hanno cambiata. Quando ho avviato la mia attività di formazione del Business del cuore vivevo sui monti, in un piccolissimo paese di 13 abitanti, ma con una connessione Internet molto potente. In rete ho approfondito le mie competenze, in rete ho iniziato a parlare dell’importanza di lavorare facendo quello che amiamo, in rete ho proposto la mia offerta, ho trovato i primi clienti e ho fatto crescere la mia attività. Grazie alla rete, lavoro tutt’oggi da casa o da qualsiasi altro luogo desideri (ovviamente purché abbia una buona connessione). In sintesi, grazie alla rete, ho trasformato la mia passione in un vero proprio lavoro: in questo senso la rete è un grande dono.

Ma c’è un ma… Proprio come il cioccolato (almeno per me), è facile eccedere. Il cioccolato rende i dolci deliziosi, ma se mangi cioccolato tutto il giorno, tutti i giorni, il tuo corpo non ne sarà felice, così come non è felice la tua mente se sei sempre connessa. Troppe informazioni, troppi stimoli, troppe richieste producono infatti troppo “rumore” e il rumore ci fa perdere il focus su noi stesse e su quello che davvero importante per noi.

Restare disconnesse, ci consente di di fare silenzio e di trovare il tempo e la lucidità per fare il punto della situazione o di scoprire in che direzione muoverci rispondendo al quelle domande fondamentali che danno senso alla nostra vita e al nostro lavoro:

  • Quali sono gli obiettivi veri, importanti, che vuoi raggiungere?
  • Cosa hai fatto negli ultimi mesi o anni per raggiungerli?
  • Cosa non hai fatto che invece avresti dovuto fare? Perché?
  • Cosa puoi fare nei prossimi mesi per andare verso quello che desideri?
  • Quali sono le motivazioni profonde che ti guidano?
  • Le tue azioni quotidiane nascono dalle tue motivazioni profonde o si disperdono in 1000 “cose che devi proprio fare” ma che, in fondo, non hanno importanza?

Ecco allora il mio suggerimento. Prenditi del tempo “disconnesso”, lontana dal bombardamento di informazioni, non distratta dall’annuncio dell’ultima strategia di marketing. Un momento in cui ci sia solo tu, un quaderno e una penna. Potresti fare una passeggiata da sola nella natura; o anche solo ritagliarti qualche momento durante le ore di lavoro, alla finestra, con una tisana in mano e lo sguardo alle nuvole. Goditi il momento: non forzare le risposte, ma crea lo spazio perché emergano da sole, lasciando lavorare la tua intuizione e la tua creatività.

Ricorda che anche nel business, intuizione e creatività sono le tue più fedeli guide; seguile e rimarrai in contatto con il tuo centro, sarà più facile prendere decisioni e le tue scelte saranno–nella maggior parte dei casi–quelle giuste. Sono sufficienti un’oretta alla settimana, o 10/15 minuti al giorno: facendo di questi momenti offline un’abitudine, intuizione e creatività arriveranno. Ma mi raccomando: disconnettiti anche quando sei sempre di fretta e pensi di non avere tempo. Soprattutto quando sei sempre di fretta e pensi di non avere tempo!

Concludendo, ritagliati periodicamente momenti offline: sarai più centrata, serena, riposata e, soprattutto, molto più lucida per elaborare nuove strategie per il tuo business e molto più produttiva.

Ti è piaciuto questo articolo? Entra anche tu a far parte della Comunità del Business del Cuore:

Ep46 Zen to done: l’ottava abitudine, semplificare

Zen to Done è un percorso, ideato da Leo Babauta, per diventare efficaci e organizzati attraverso 10 buone abitudini che si acquisiscono gradualmente nel giro di 10 mesi.

Vista l’importanza dell’organizzazione e della produttività nella vita, soprattutto quando si lavora in proprio, sto spiegando nel dettaglio come mettere in pratica Zen to Done negli epidodi del podcast Business Crescita e Femminilità.

In questa pagina trovi tutti gli episodi relativi a Zen to Done.

Nell’episodio di oggi vediamo l’ottava abitudine: semplificare.

Il nostro modo di vivere è decisamente troppo complicato e pieno di impegni, attività, strumenti, informazioni e, di conseguenza di stress. Continua a leggere

Come recuperare energie e motivazione

Recentemente mi sono trovata a considerare l’impatto della mia attività sulla qualità della mia vita. L’amore per il mio lavoro è enorme: amo i miei clienti, la prospettiva di aiutarli a creare il loro “business del cuore”, ho tantissime nuove idee e progetti, ecc. Sono certa che tantissime di noi si trovano in questa fortunata condizione, una condizione che tuttavia nasconde un risvolto da tenere d’occhio. Continua a leggere

I vantaggi di lavorare da casa (e qualche svantaggio)

Se lavori da casa o stai pensando di farlo hai probabilmente considerato i vantaggi di questa scelta, come la riduzione dei costi e la semplificazione della gestione lavoro-famiglia. Ma lavorare da casa è sempre e solo bello e vantaggioso? In questo post vorrei condividere con te la mia esperienza, maturata dopo diversi anni, ed esaminare sia gli aspetti positivi sia le (poche) difficoltà che caratterizzano questa scelta. Continua a leggere

Ep39 Zen to done: la settima abitudine, controllare

EP39_ZTD_abitudine 7

La settima abitudine del percorso Zen to Done è quella di controllare, cioè rivedere settimanalmente le proprie inbox, le liste di cose da fare e tutti gli strumenti che abbiamo messo in pratica nelle precedenti abitudini. Continua a leggere

Ep38 I tre errori che fanno perdere più tempo ai liberi professionisti

tempo

Oggi tutte noi siamo spesso alle prese col tempo che manca. La famiglia, il lavoro, qualche interesse personale e qualche hobby, un po’ di attività fisica, il curare la nostra alimentazione e il nostro benessere, magari una pratica di meditazione quotidiana: come facciamo a far stare tutto questo nelle nostre giornate? Continua a leggere

Ep34 Zen to done: la sesta abitudine, organizzare

EP34_ZTD_abitudine 6

La sesta abitudine del percorso Zen to Done è quella di organizzare. Mai sentito dire:

“un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto”?

Benissimo si tratta porprio di questo semplice sistema che ti permetterà di risparmiare un sacco di tempo e di denaro (e anche di stress: ti è mai capitato di non trovare le chiavi quando sei di fretta?). Continua a leggere

Ep33 Il lavoro della Professional Organizer

Intervista_Novello

La Professional Organizer è una professionista dell’organizzazione che aiuta le persone ad organizzarsi in ambito domestico, lavorativo, nel tempo libero e in generale nello stile di vita.

Essere orgnizzati meglio significa risparmiare tempo, energie e denaro per riuscire a fare le cose che veramente ci piacciono.

Ce lo racconta Irene Novello, architetto e Professional Organzer che ha contribuito a portare e diffondere in Italia questa nuova professione, in questa nuova intervista in cui vedremo: Continua a leggere

Ep29 Zen to done: la quinta abitudine

zen to done podcast 29

La quinta abitudine del percorso Zen to Done è quella di configurare e utilizzare quotidianamente un sistema di organizzazione che sia semplice e affidabile.

Il sistema che utilizziamo deve essere affidabile perché deve tener organizzate tutte le nostre attività, documenti, progetti ecc, ma deve essere anche e soprattutto SEMPLICE perché (cosa ovvia ma non sempre scontata) non deve complicarci la vita ma deve semplificarcela e il difetto principale dei sistemi complicati è che poi, alla fine, non li utilizziamo! Continua a leggere