QUANDO SI DICE “METTERCI LA FACCIA”

Qualche anno fa ho aperto un blog e non ho voluto mettere nessuna fotografia mia e nemmeno il mio nome. Riservatezza? Timidezza? Insicurezza?

Ora non solo metto il nome e la faccia, ma scrivo anche a caratteri cubitali quello che credo, penso e desidero. E non sono slogan messi lì, sono proprio le mie motivazioni più profonde, quello che mi guida e mi porta a fare quello che faccio, nel lavoro come nella vita. Continua a leggere

WEBINAR “I 7 PASSI PER CREARE UN BUSINESS DI CUI ESSERE PAZZA!”

7pas3

Ma possiamo davvero pensare di creare un business che ci piaccia da impazzire?

Che cosa è questo business, come è fatto?

E… come facciamo a crearlo??

La risposta a queste domande in questo audio della durata di circa 40 minuti dove spiego che cosa intendo per “business di cui essere pazza” e quali sono i 7 passi del Percorso di potenziamento-Business (v. sezione Programmi 1 a 1):

passo 1: CHI SEI – valori, missione, obbiettivi

passo 2: I TUOI DONI – punti di forza, competenze

passo 3: A CHI TI RIVOLGI – i tuoi clienti ideali

passo 4: COSA TI FRENA – identificare e rimuovere blocchi e paure

passo 5: COSA PUOI OFFRIRE – prodotti e servizi

passo 6- RAGGIUNGERE I CLIENTI – strumenti e strategie

passo 7: PIANO D’AZIONE – passi, implementazione, verifica

  Potete ricevere gratuitamente la registrazione del webinar attraverso la mia pagina Facebook o inserendo i vostri dati qui sotto:



Immagine gentilmente concessa con licenza Creative Commons da Visit St. Pete/Clearwater e da noi modificata


CORTROMETRAGGI A REGIA FEMMINILE SU DONNE E LAVORO

zonta short festival ed 2014

Lo Zonta Club Alessandria ha  istituito dal 2012 un concorso nazionale per cortometraggi a regia femminile che nella sua prima edizione ha avuto un esito straordinario, con corti in arrivo da ogni parte d’Italia.

Il bando di quest’anno ha una tematica dedicata a “DONNE E LAVORO”, e una sezione speciale ( anche aperta agli uomini registi) sul tema “PERCORSI DI USCITA DALLA VIOLENZA”.

Sono previsti 3 premi per un valore complessivo di 5.000 euro e un premio speciale, consistente in un’opera d’arte.

Ecco il bando di concorso (in formato .doc per facilitare la compilazione):

Regolamento Concorso Nazionale Corto di Donna ZSF 2014

DA OGGI SU FACEBOOK!

Eccomi qui anche su Facebook, un modo per stare ancora più in contatto 🙂

Venite a visitare la pagina cliccando sull’immagine e… a fare “Mi piace”!!!

Di là c’è una sorpresa, un nuovo omaggio per voi.

COME TE NON C’È NESSUNA

mela_blu

Come te non c’è nessuna e, come tu sei unica e speciale, così deve essere il tuo business!

Il personal branding tratta proprio di questo, di rendere differenti prodotti e servizi che sono (o possono apparire) molto simili. Si basa sul concetto di “unicità e singolarità”: se un brand è forte, i clienti percepiscono l’idea che sul mercato non esiste nulla di simile. Continua a leggere

IL LAVORO COSTRUITO SULLA PASSIONE: LA STORIA DI CLAUDIO

claudio bocchi

Sono molte felice di condividere con voi una storia che ci offre grandi insegnamenti e ispirazione, quella di Claudio Bocchi, musicista e insegnante di canto che, dopo aver fatto per anni un lavoro “qualsiasi”, ha costruito da zero la sua carriera e realizzato il suo sogno. Claudio, dopo aver letto il post sul successo, mi ha inviato il racconto della sua storia, che trovate di seguito: un bellissimo esempio di successo come “progressiva realizzazione di un obiettivo di valore”, di creazione di un lavoro basato sulle proprie passioni e di quanto un percorso di questo tipo ci permetta di crescere e diventare persone migliori, più felici, più soddisfatte e anche più “brave” in quello che facciamo. Continua a leggere

Cos’è il successo?

img_successo

Si sente spesso parlare di successo e anche io, nelle pagine di questo sito e parlando con le persone, utilizzo talvolta questa parola. Ho pensato quindi che fosse importante fare una riflessione su cosa sia effettivamente il successo, cercando di definirlo.

Se, da un lato, tutti vogliamo avere successo nella nostra vita, dall’altro possiamo provare–e io stessa talvolta ho provato–un certo fastidio riguardo a questo termine a causa delle immagini assolutamente fasulle che televisione, riviste, pubblicità associano ad esso. Pensate alle foto patinate di donne con bellezze innaturali che “sono di successo” perché indossano l’abito giusto o portano quel particolare profumo, o alle foto di uomini d’azienda che hanno “conquistato” con aggressività titoli, potere, ricchezza, mercato.

Bene, stabiliamo, prima di tutto, che il successo NON È il raggiungimento di un obiettivo stereotipato e definito da altri, siano essi chi progetta le campagne pubblicitarie, i nostri genitori o i nostri amici che ci consigliano su quello che è meglio per noi o qualcosa che abbiamo letto su internet.

Continua a leggere